angoli lamine dual 168

Le vostre opinioni, domande sulla tecnica, il carving estremo, e eventi

Moderators: Arnaud, nils, fivat, rilliet, Alex, Silber

Post Reply
Alberto_Rus
Rank 0
Rank 0
Posts: 2
Joined: Wednesday 3 January 2018, 22:17

angoli lamine dual 168

Post by Alberto_Rus » Wednesday 3 January 2018, 22:42

Ciao
ho acquistato da poco una dual 168, che sto trovando fantastica sia in pista che fuori.
vorrei chiedervi quali sono gli angoli di base e di lato delle lamine, e se posso tirarle lateralmente con una squadretta a 90 gradi?
Grazie per l'aiuto

H2O
Rank 5
Rank 5
Posts: 1863
Joined: Thursday 8 November 2007, 15:44
Location: Milano - Alagna

Re: angoli lamine dual 168

Post by H2O » Thursday 4 January 2018, 16:30

Se vuoi avere polivalenza sia in pista che fuoripista con maneggevolezza nella gestione della tavola nei cambi in slide io affilerei a 90°(molto semplice se hai una squadretta a 90°) mentre in alternativa per avere maggior incisività di tenuta, carving in pista e tenuta su terreni duri, farei 89°con 1°di tuning ed in questo caso dovresti utilizzare una squadretta regolabile con angoli inferiori a 90°.
La lamina va tirata di lato da punta verso coda con la squadretta a 90° o 89°, mentre 1° di tuning va creato passando la lima (lima mezzo-dolce o meglio lima diamantata), asportando la lamina, sul piano della soletta. Questo serve a rendere la tavola manovrabile quando è di piatto a fronte di una maggior tenuta data dall'angolo di 89°.
Per il tuning, in commercio esistono delle placchette angolate in plastica su cui appoggiare la lima o in alternativa puoi semplicemente creare uno spessore da una parte della lima avvolgendola con del nastro (qui serve un poco di esperienza).
:hello:
Pietro
... sciare in pista è come nuotare in piscina, sciare in fuoripista è come farlo in mare aperto ...

Alberto_Rus
Rank 0
Rank 0
Posts: 2
Joined: Wednesday 3 January 2018, 22:17

Re: angoli lamine dual 168

Post by Alberto_Rus » Thursday 4 January 2018, 19:30

Grazie Peter
quindi riassumendo, se ho capito bene:
1) per poter usare la squadretta a 90 gradi immagino che la dual nasca con tuning=0 (cioè lamina piatta sulla soletta)- perchè se al contrario avesse del tuning diverso da zero allora usando la squadretta di 90 gradi andrei a creare un angolo effettiv di lamina maggiore di 90
2) se invece creo tuning a 1 grado, poi posso usare una squadretta a 99 (in questo caso l'angolo effettivo di lamina diventa 89 + 1 = 90. quindi l'angolo di lamina è sempre 90 gradi ma la tavola dovrebbe guadagnare in maneggevolezza sul piatto grazie al tuning
3) se poi volessi ancora piu grip potrei mettere tuning 1 e usare squadretta ad 88 o anche 87..., in questo caso langolo effettivo di lamina risulterebbe minore di 90 ed aiutare di più sul duro

a presto sulla neve, Alberto

H2O
Rank 5
Rank 5
Posts: 1863
Joined: Thursday 8 November 2007, 15:44
Location: Milano - Alagna

Re: angoli lamine dual 168

Post by H2O » Friday 5 January 2018, 0:16

Ciao Alberto,

Solitamente le tavole (anche di altre marche) vengono commercializzate con lamine a 90 gradi (0 tuning). Essendo nuova la tua Dual non andrei per il momento a modificarne l’angolo e mi limiterei al massimo a sistemare eventuali sbavature con la squadretta a 90’ e solo più avanti modificherei anche considerando il tipo di neve di questo periodo con le nuove nevicate.
Personalmente adotterei queste soluzioni:
1) Freeride/fuoripista: 90’ (0 tuning): maggior robustezza soprattutto in presenza di pietre e ottimo compromesso tra tenuta e manovrabilità
2) Freecarve/carving in pista: 89’ (-1’ tuning): miglior tenuta e precisione sul duro e buon compromesso per manovrabilità sul piatto e passaggi in slide. É la soluzione che adotterei in via generale sulla Dual e non mi spingerei al di sotto per preservare robustezza e durabilità delle lamine che al di sotto diventerebbero fragili e sistemabili togliendo molto materiale. Dovrebbe essere la soluzione consigliata dal team Swoard.
3) Carving su pista ben preparata e sul duro: 88’ (-1’ tuning). Soluzione che adotterei eventualmente sulla Extremecarver.
Qualcuno setta anche a 87’ (-1’ tuning) ma si andrebbe a peggiorare la durabilità dei materiali.

Considera che la Dual (a differenza della maggior parte delle tavole soft in commercio) ha una particolare costruzione che le conferisce alta rigidità torsionale, indipendente dal flex, per una tenuta superiore e adattabilità ai diversi terreni.

See you in Alagna! :hello:
Pietro
... sciare in pista è come nuotare in piscina, sciare in fuoripista è come farlo in mare aperto ...

Post Reply